La rabbia dei musulmani: “Aperte le porte dell’Inferno”

Hamas: taglieremo le mani a chi tocca la Città santa. Abu Mazen: rischio guerra. Dalla Turchia all’Iran si moltiplicano le condanne contro la scelta americana


Pubblicato il 07/12/2017
inviato a gerusalemme

Dopo una giornata di acquazzoni e scrosci che facevano presagire una tempesta tremenda, la luna ha fatto capolino nella tarda serata dietro le colline di Gerusalemme. Una visione surreale, perché le mura antiche, costruite da Solimano il Magnifico, erano colorate di bianco, rosso, e blu, in omaggio alla bandiera americana e alla decisione del presidente Donald Trump. Un gesto che alla popolazione araba è sembrato un nuovo schiaffo: la prima giornata «della rabbia» è trascorsa senza vittime, ma neppure le sfumature nel discorso del leader della Casa Bianca, che qualcuno ha interpretato come timide aperture al fronte arabo, hanno calmato gli animi. Il riconoscimento della Città Santa come capitale di Israele ha aperto una diga di rancore che ora è difficile contenere. Per tutto il giorno i dimostranti hanno marciato per le strade nelle città della Cisgiordania e soprattutto a Gaza, al grido di «Gerusalemme capitale eterna», sì, ma della Palestina. Concetto ripetuto da Abu Mazen che ha ritirato il team palestinese da Washington perché «gli Usa hanno rinunciato al loro ruolo di mediatori per la pace» e ha aggiunto che questo «aiuterà le organizzazioni estremistiche a intraprendere una guerra di religione che danneggerà l’intera regione». 

 

LEGGI ANCHE - Trump: adesso il negoziato di pace con Gerusalemme capitale d’Israele (P. Mastrolilli)  

 

 

Come già dopo la chiusura della Spianata delle Moschee, lo scorso luglio, il richiamo di «Al-Quds», della moschea di Al-Aqsa, ha radunato attorno ai palestinesi il mondo musulmano, pronto a difendere «con il sangue» la «linea rossa» da non oltrepassare, tracciata martedì dal presidente turco Recep Tayyip Erdogan e subito rafforzata dall’intero fronte «della resistenza». Sono le situazioni predilette da Hamas, che infatti ieri è stata la più attiva nell’organizzare le proteste. Uno dei portavoce, Salah Bardawil, ha rispolverato il meglio della retorica bellica: «Questa decisione porterà a una travolgente rivolta popolare e alla resistenza che scotterà la terra e taglierà la mano di chiunque toccherà Gerusalemme e i suoi luoghi sacri» e che gli Usa «hanno aperto le porte dell’inferno».  

 

Gerusalemme, ieri, è rimasta abbastanza tranquilla ma prepara una gigantesca manifestazione per domani, proprio attorno alla Spianata delle Moschee subito dopo la preghiera del venerdì. Le scuole rimarranno chiuse, per rafforzare i ranghi con gli studenti, mentre migliaia di agenti e militari della polizia di frontiera sono arrivati a completare il dispositivo di sicurezza israeliano. La Porta di Damasco, come quella dei Leoni, sono blindate. «Siamo pronti a reagire in maniera immediata ad ogni genere di sviluppi che potrebbero verificarsi», ha precisato la polizia. 

 

Ma Al-Fatah e l’Autorità nazionale palestinese del presidente Abu Mazen si stanno coordinando con i principali leader islamici. Il più attivo è Erdogan che ha chiamato una dozzina di colleghi, oltre al leader palestinese, e ha invitato i 57 Paesi membri dell’Organizzazione della cooperazione islamica (Oic) a riunirsi mercoledì 13 dicembre a Istanbul per un summit straordinario. Il presidente turco vuole indossare in quella occasione i panni del «difensore di Gerusalemme». «Il riconoscimento di Gerusalemme – ha detto – farà saltare le fondamenta della pace e scatenerà nuove tensioni e scontri». Dopodomani, al Cairo, si riuniranno invece i ministri degli Esteri della Lega araba, che ha definito la mossa di Trump «una provocazione ingiustificata». 

 

Sarà però a Istanbul la vera prova di forza islamica, anche perché c’è da aspettarsi uno show dell’Iran. Ieri ha subito calcato la mano la Guida Suprema, l’ayatollah Ali Khamenei: «La Palestina sarà liberata. La comunità palestinese e quella musulmana vinceranno». L’Iran «non tollererà la profanazione dei luoghi santi islamici», ha aggiunto il presidente Hassan Rohani. Più sfumata la posizione della Siria di Bashar al-Assad. Per Damasco «il presidente Usa e i suoi alleati nella regione sono responsabili» di un «passo pericoloso». 

 

Damasco non sottolinea il carattere «musulmano» della Città Santa alle tre religioni monoteiste, perché guarda anche alla sua minoranza cristiana, in gran parte schierata con il raiss. Lo stesso Abu Mazen usa l’accortezza, sa di avere come supporto internazionale più prestigioso il Vaticano. Ieri Papa Francesco ha chiesto che «lo status quo» di Gerusalemme «non venga modificato» così come il segretario generale della Lega araba Aboul Gheit, in quanto la città è «nel cuore di tutti gli arabi, musulmani e cristiani». E oggi a Betlemme la «Palestina cristiana» organizzerà una protesta di massa, nella piazza davanti alla Chiesa della Natività, che con il suo grande albero ricorda quanto sia vicino il Natale. 

 

home

home

I più letti del giorno

I più letti del giorno