Soste selvagge in città: già mille multe dei carabinieri

Controlli a tappeto dal mattino alla sera nella zona del centro. Il popolo di Facebook si schiera a favore del giro di vite

Controlli dei carabinieri in via Paolo Boselli


Pubblicato il 14/01/2018
SAVONA

Eccolo il furbetto della sosta selvaggia. Via Boselli metà mattinata: si ferma con l’auto davanti alla gelateria, spegne il motore, scende, chiude la portiera a chiave, attraversa la strada è si incammina verso via Venezia e da lì in piazza del Popolo. Già piazza del Popolo. I cartelli di Informacittà del Comune segnalano, proprio in quel momento, che un terzo del parcheggio a pagamento dell’Ata è vuoto. Ma va così, in città.  

Pochi passi più in là, via dei Vegerio, anche lì auto in doppia fila e uno che fa? Parcheggia a lisca di pesce, nello spazio fra due macchine, le ruote quasi sul marciapiedi, davanti alla banca. Quando torna, di lì a pochi minuti, la multa è bella che fatta. Prova a giustificarsi con i carabinieri, a lamentarsi. Inutilmente.  

Un giro di vite, drastico, che andrà avanti fanno sapere dal comando dell’Arma fino a quando continuerà questo traffico diventato una giungla, in particolare nelle vie Boselli, dei Mille, Brignoni, Nazario Sauro, Vegerio.  

Venerdì i carabinieri hanno martellato per tutto il giorno dalle 8 del mattino fino alle 20. Alla fine del giornata si sono contate centinaia di multe che sommate a quelle dei giorni precedenti (questo servizio è iniziato nella settimana di Natale con controlli ala mattino e al pomeriggio) non si esagera (ma i carabinieri cifre non ne danno) a stimare che si sia già arrivati a un migliaio. Venerdì i militari hanno chiamato pure il carro attrezzi e fatto portare via due auto che intralciavano il traffico. Tolleranza zero dunque che sui Social è stata accolta favorevolmente dal popolo del web.  

home

home

La Stampa con te dove e quando vuoi

I più letti del giorno

I più letti del giorno