Facebook brevetta un sistema per sapere se sei ricco, povero o della classe media

Il social network cercherà di risalire al gruppo sociale di appartenenza di un utente dai dati su istruzione, residenza, proprietà della casa e dall’uso di Internet
AP


Pubblicato il 13/02/2018
Ultima modifica il 13/02/2018 alle ore 07:51

Ricco, povero o classe media? Facebook vuole sapere a che categoria sociale appartieni e per questo ha brevettato un nuovo sistema per scoprirlo. 

 

La richiesta è stata avanzata nel luglio 2016 e, in base ai documenti pubblicati di recente, il social network intende realizzare un algoritmo in grado di utilizzare vari dati dell’utente, rintracciabili dalla piattaforma online. Il fine, si intuisce, è indirizzare pubblicità più mirata e personalizzata. 

 

Il sistema descritto da Facebook cercherà di predire l’appartenenza di un utente a tre diversi gruppi sociali: lavoratori, classe media, ricchi. In genere, si legge nella richiesta di brevetto, la collocazione nelle diverse categorie viene stabilita dal livello del reddito. Ma questa informazione non è a disposizione delle piattaforme online perché gli utenti non sono propensi a condividerla. Bisogna quindi risalire alla condizione socio-economica di un singolo attraverso altri dati. Quali? Quelli relativi a età, istruzione, residenza, proprietà della casa e dei dispositivi, cronologia dei viaggi e uso di Internet. 

 

Il modello predittivo ha una struttura ad albero attraverso la quale dovrà riuscire a identificare il gruppo sociale di un utente. Questo procedimento prevede un iter che a partire da una fascia di età (20-30 anni o 30-40 anni) associa una serie di dati pertinenti per giungere alla classificazione finale con un maggior margine di aderenza alla realtà. 

 

Non è chiaro ancora se questo brevetto verrà effettivamente sviluppato e utilizzato. Ma alla base vi è l’idea che Facebook possa ottenere un’informazione volutamente non rivelata dall’utente da altri dati rilasciati liberamente. 

 

home

home

I più letti del giorno

I più letti del giorno